La semplice regola per diventare un genio

La semplice regola per diventare un genio

Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido.
Albert Einstein

Questa citazione di Albert Einstein è molto famosa nel mondo della crescita personale perché permette con pochissime parole di esprimere un concetto potentissimo “tutti siamo dei geni”.

Anche tu lo sei, eppure durante il corso della tua vita ti hanno convinto del contrario, magari perché a scuola non riuscivi ad eccellere, perché in matematica non eri abbastanza bravo oppure perché i temi di italiano proprio non ti venivano… Insomma, ti sei sentito dire tante di quelle volte che, nel migliore dei casi, eri uno da “6” in pagella che te ne sei convinto.

Però a questo punto ti faccio una domanda.. Vuoi forse contraddire Albert Einstein?

Visto che non credo che la risposta a questa domanda sia affermativa proviamo a vedere insieme qual è il significato profondo di questa frase e soprattutto come fare a diventare un genio.

La regola per diventare un genio

La regola da seguire per diventare un genio è molto semplice, smettere di pensare che essere geniali significhi eccellere in tutto ed iniziare a cercare di capire in cosa sei un genio.

Prova a pensare alle esperienze che hai fatto nella tua vita, indipendentemente dal fatto che ti sembrino tante o poche ti assicuro che sono solo una parte infinitesimale delle possibilità che avevi ed hai davanti. Magari da piccolo hai provato a suonare uno strumento e non eri niente di che, oppure hai praticato uno sport e non sei riuscito ad emergere dalla massa, o forse ti piaceva disegnare ma le tue “opere” non ti sembravano niente di speciale..

Pensa solo ai tre ambiti che ho citato. Quanti strumenti hai provato a suonare? Quanti sport hai praticato? In quanti diversi tipi di disegni ti sei cimentato?

Magari hai provato la chitarra ed eri portatissimo per gli strumenti a fiato o a percussione, oppure hai giocato solo a calcio quando a tennis saresti stato un asso, o hai provato a disegnare paesaggi senza sapere di avere un talento innato per le vignette.

Hai dato un giudizio sulle tue capacità dopo esserti confrontato con una porzione piccolissima del mondo che ti circonda, e hai deciso che quella parte era tutto il tuo mondo. Hai pensato che non essere sopra la media in qualche ambito significasse non esserlo in nessun ambito.

Intendiamoci, non è detto che tu sia portato per suonare uno strumento musicale, magari sei un pessimo musicista perché ti manca il senso del ritmo, e lo stesso discorso può essere valido per tutti gli altri ambiti della vita.

Ma sai cosa ti dico?

Chissenefrega!

Nessuno è un genio in tutto. Prova ad immaginarti Leopardi di fronte ad una platea da intrattenere.. Non ti sembrerà più tanto geniale come credevi…

Cosa fare per diventare un genio

L’unico modo che hai per recuperare il tempo perduto è quello di impegnarti a provare cose nuove ogni settimana. Per quanto ridotto possa essere il tempo che hai a disposizione dedica almeno un’ora alla settimana a fare qualcosa di diverso, prova un nuovo sport, un nuovo hobby, interessati ad un nuovo argomento. Oltre ad aprire la tua mente a nuove esperienze ti ritroverai un giorno a cimentarti in qualcosa che farà scattare in te la scintilla, che ti fa sentire vivo e che, come per magia, ti riuscirà benissimo.

Questa è la genialità che tenevi nascosta e che devi coltivare, perché magari si tratterà di un’attività di nicchia che non ti permetterà di ricavare dei soldi o che non ti farà diventare popolare con i tuoi amici, ma se dovessi scoprire di essere un talento dei bonsai (si, proprio i bonsai), di essere un vero genio di questo argomento, allora il solo potertene occupare sarà la ricompensa.

Se invece continuerai a stare seduto sul divano a guardare la tv non riuscirai mai a scoprire quello che potrebbe essere il tuo talento nascosto e continuerai a credere di non essere un genio.

®RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave A Response

* Denotes Required Field