La vera rivoluzione di Internet - Perché la rete può davvero cambiare la tua vita

La vera rivoluzione di Internet – Perché la rete può davvero cambiare la tua vita

Siamo nel 2015 e iniziare un articolo affermando che Internet ha cambiato il mondo e la vita delle persone è, a voler essere buoni, di una banalità disarmante, trattandosi di un fatto che viene dato per assodato.

Eppure il vero cambiamento che la rete ha prodotto nel mondo e che può generare nuove prospettive nella vita di ogni persona viene percepito da pochi, non più dell’1/2% degli utilizzatori della rete.

Per dimostrarvelo vi chiedo di fare un esperimento: provate a scrivere una lista di 5 cose che sono cambiate nella vostra vita con l’avvento di Internet. Se potete, fate la stessa domanda a qualche amico o collega e, anche in questo caso, segnatevi le risposte.

Molto probabilmente le risposte più gettonate saranno (in ordine sparso):

  • fare acquisti online
  • vedere film e serie tv in streaming/scaricare film e serie tv
  • accedere alle informazioni in pochi secondi
  • comunicare con persone in ogni angolo del mondo
  • comprare/scaricare musica
  • utilizzare i social network

E altre…

Se anche voi e i vostri amici avete dato delle risposte simili, mi dispiace dovervi smentire ma questi non sono cambiamenti, bensì semplici evoluzioni o miglioramenti di quello che già c’era ed accadeva in passato. Magari si tratta di miglioramenti particolarmente significativi, come quello relativo alla possibilità di fare acquisti online. Ma ad essere cambiata è la modalità di acquisto, non il fatto di poter acquistare. Se nel nel 1980 aveste voluto comprare un particolare paio di jeans, un libro, un frullatore etc. avreste potuto farlo comunque andando in negozio oppure tramite i cataloghi per acquistare restando comodamente a casa, che esistevano già.

Quindi il web ha esponenzialmente aumentato la semplicità in fase di acquisto e la gamma di prodotti a disposizione.
Io il 50% dei miei acquisti lo faccio tramite Amazon, ma non ha cambiato la mia vita.

Come detto anche gli altri esempi sono relativi a miglioramenti e non a cambiamenti. Le informazioni sono sempre state disponibili, magari con più fatica, ma Wikipedia è la versione moderna delle enciclopedie che potevate acquistare o trovare in libreria fino a qualche anno fa. I film che oggi scaricate o noleggiate potevate vederli in tv, al cinema oppure affittarli in videoteca, così come accadeva per la musica con l’acquisto di dischi, cassette e cd.

Certo, oggi è tutto molto più comodo e semplice e, se per qualche inspiegabile motivo, dovessimo tornare al mondo pre-internet, subiremmo tutti senza dubbio un grave trauma! Eppure come visto perderemmo meno di quello che ci si possa immaginare. Al massimo ci metteremmo molto più tempo e molta più fatica per fare cose che adesso si fanno con un click (vi immaginate di andare in banca per fare un bonifico?!!).

Dopo questo lunghissimo ma indispensabile preambolo veniamo al centro della questione.

In cosa l’avvento di Internet ha cambiato realmente le nostre vite o ci ha dato una prospettiva per poterlo fare?

La risposta è molto semplice:

Permettendo a tutti di trasformarsi da fruitori a produttori e distributori di contenuti praticamente a costo zero.

L’evoluzione della specie: da fruitori a produttori di contenuti

Provate a tornare con la mente al 1980 del precedente esempio ed immaginate di aver scritto un libro con la vostra macchina da scrivere. L’aver scritto vi sarebbe stato sufficiente per poter pubblicare la vostra opera?

Certamente no. Avreste dovuto inviare il vostro manoscritto a tutte le case editrici e restare in attesa di una risposta per mesi o magari anni. Il tutto sapendo comunque di avere pochissime possibilità di successo.

Nel 2015 invece potete pubblicare il vostro libro sul Kindle Store di Amazon in meno di un’ora e renderlo disponibile per il download in tutto il mondo al prezzo che decidete voi.

Per fare un altro esempio provate a pensare a Youtube. Quante volte l’avete usato per guardare il video di una canzone o qualche video divertente?

Probabilmente centinaia.

Ma avete mai pensato che utilizzando solo il vostro smartphone potreste essere voi a creare dei video ed un vostro canale Youtube per condividerli e mostrarli al mondo intero?

E lo stesso vale per i blog o per i siti internet. Addirittura aprire un negozio online attraverso cui vendere prodotti creati da voi o rivendere quelli creati da qualche azienda è un’impresa molto molto più semplice di quanto si possa credere.

Questa è la vera grande rivoluzione che ha portato Internet nella vita delle persone e questa è la grande opportunità che si può cogliere in tempo di crisi.

Tutti gli esempi che ho citato, infatti, non sono da tenere in considerazione solamente perché aumentano la propria possibilità di esprimersi scrivendo un libro, registrando un brano musicale oppure dando voce e spazio alle proprie idee politiche all’interno di un blog (che già di per sé sarebbe una motivazione più che valida).

Tutti gli esempi che ho citato possono infatti anche farvi guadagnare, indipendentemente dal fatto che abbiate già un lavoro tradizionale, che siate disoccupati oppure studenti.

E stiamo palando di 10 ipotetici euro al mese così come di 10.000. Stiamo parlando dei soldi per fare la ricarica mensile del credito telefonico o quelli per mantenere sé stessi e magari anche la propria famiglia.

Settimana prossima vedremo come è possibile creare un reddito tramite Internet, ma la premessa di questo articolo era fondamentale per comprendere come la base di tutto sia la possibilità di creare i propri contenuti e, soprattutto, di condividerli con il mondo a costo zero.

Attenzione!

Il senso di questo articolo, lo voglio precisare, è anche quello di ribadire che non esistono formule magiche per guadagnare, su Internet e nel mondo reale, così come non esistono scorciatoie. Chi vi propone sistemi di questo tipo, minima fatica e massimo rendimento, vi sta truffando e vi consiglio di leggere questo articolo per capire come evitare le truffe.

Creare contenuti è il primo passo nel percorso di crescita economica, ma come tutti i percorsi di crescita ci è necessario metterci impegno e buona volontà.

A settimana prossima!

®RIPRODUZIONE RISERVATA

 

5 Comments

Leave A Response

* Denotes Required Field