Conquistare la persona amata - i 5 errori da evitare

Conquistare la persona amata: i 5 errori da evitare

Quando ci si innamora, o si prova attrazione per un altra persona le possibili situazioni in cui ci si può trovare sono, sintetizzando, solamente 3:

– L’altra persona corrisponde il sentimento di amore o attrazione

– L’altra persona al momento non è interessata ma in futuro potrebbe corrispondere il sentimento di amore o attrazione

– L’altra persona non corrisponde minimamente il sentimento di amore o attrazione

Nel primo caso le possibilità di insuccesso sono veramente limitate, vi basterà chiedere a questa persona di uscire, di bere un caffè insieme, insomma stabilire un contatto per poter essere quasi certi di coronare il vostro desiderio (per non riuscirci dovreste veramente combinare una catastrofe). Se il vostro problema è la timidezza e anche un invito a bere un caffè vi blocca facendovi diventare di ghiaccio vi consiglio di leggere il post relativo al coraggio di chiedere e fare delle domande.

Nell’ultimo caso le possibilità di raggiungere il vostro obiettivo d’amore sono invece limitatissime e dovrete essere dei veri “assi” per riuscire nell’impresa dato che si tratta di compiere un lavoro lungo e faticoso che merita un articolo ed un approfondimento a parte. In ogni caso se vi trovate in quest’ultima situazione, ormai certi del “non sentimento” dell’altra persona vuol dire che siete già passati ad una fase successiva, già rifiutati (magari anche più di una volta) dalla persona oggetto del vostro desiderio.

La situazione di mezzo è invece la più comune, con la persona da cui siete attratti che potrebbe avere una simpatia nei vostri confronti così come non avervi mai considerato come possibile partner ma, in ogni caso, vi trovate ancora nella fase in cui potete giocare le vostre carte.

Per cercare di capire come affrontare al meglio questa situazione ccco quindi i 5 errori da non commettere assolutamente quando si sta tentando un approccio sentimentale:

Non siate banali

Può sembrare un consiglio banale (scusate il gioco di parole) ma spessissimo negli approcci amorosi si ricade nei soliti cliché, frasi quali “che belli tuoi occhi, capelli etc..” o addirittura nell’invio di messaggi disarmanti per la loro semplicità (non vi immaginate quante volte ho visto sms o email con scritto semplicemente “Ciao” o in caso di corteggiatore più audace “Ciao, come va?”).

Approcci di questo tipo possono andare benissimo se la persona desiderata rientra nella prima categoria del nostro esempio, ma se così non fosse provate a pensare quante volte qualcuno prima di voi ha detto o scritto le stesse identiche cose alla persona che volete conquistare. Volete essere come tutti gli altri e finire nella “stanza delle persone banali”?

Se siete particolarmente fantasiosi saprete già come rapportarvi in modo da spiccare tra i tanti, ma in caso contrario non temete! Non c’è bisogno di essere dei super-creativi per avere successo, basta riuscire a trovare un argomento comune di discussione per creare un contatto e una relazione che siano personalizzati. La persona che vi interessa potrebbe avere sempre un libro in mano, andare costantemente in palestra ad allenarsi oppure tutti i giorni a mangiare in un ristorante vegetariano. Qualunque sia la sua particolarità che vi è possibile notare non dovete far altro che trovare il momento giusto per attaccare bottone con naturalezza e parlare di un argomento che sia di interesse comune. Le persone generalmente amano parlare di se stesse e delle proprie passioni, quindi date loro modo di farlo. Non potrete di certo essere considerati banali se parlate di un argomento che sta loro a cuore!

Non siate troppo presenti

Se siete riusciti a creare una relazione amicale con la persona desiderata non fate l’errore di far sentire troppo la vostra presenza. Se lei o lui vi rispondono ad un messaggio o ad un’email non è obbligatorio tempestarli con messaggi e messaggi, soprattutto se dopo un po’ le risposte iniziano ad arrivare a singhiozzo oppure sono composte da monosillabi. Cercate di tenere le vostre emozioni a freno, anche se in quel momento vorreste a tutti i costi avere un contatto con la persona siate consapevoli del fatto che esagerando rischiate seriamente di diventare invadenti e pesanti, vanificando così qualsiasi possibilità abbiate mai avuto.

Si dice spesso che “in amor vince chi fugge” ed il senso di questa frase è che dovete fare in modo che anche l’altra persona vi cerchi, e questo vi serve anche come verifica delle sue intenzioni. Provate ad interrompere il flusso della comunicazione, non mandate messaggi, non chiamate, insomma non fatevi sentire o trovare per una giornata. In certi momenti può essere un esercizio difficile, ma come può l’altra persona rendersi conto che sente la vostra mancanza se voi ci siete sempre e comunque?

Non lanciate messaggi indecifrabili

Uno degli errori più comuni che si possono commettere, non solo in ambito sentimentale, è quello di pensare che i nostri interlocutori abbiano il nostro stesso sistema di riferimenti culturali. Questa frase altisonante vuole esprimere un concetto molto semplice: se utilizzate citazioni, frasi sibilline o espressioni del vostro viso per comunicare i vostri pensieri è molto probabile che chi non vi conosce a fondo non capisca cosa volete dire.

La comunicazione ha delle regole standard ed è bene utilizzarle per riuscire a farsi capire. Quella mezza battuta, che avete fatto citando un film e che nella vostra testa doveva essere un invito a bere un caffè, ha buone probabilità di cadere nel vuoto, così come una mezza frase appena accennata o uno sguardo che per voi dovrebbe avere un determinato significato può non dire nulla a chi non vi conosce bene.

Se volete comunicare qualcosa fatelo in maniera chiara e diretta, non lasciate possibilità all’altra persona di interpretarvi perchè nel migliore dei casi potrebbe sbagliare nel farlo e nel peggiore non essere interessata a fare questo sforzo.

Non prendete tutto alla lettera (imparate a leggere tra le righe)

Imparate a giudicare i fatti ed i comportamenti delle persone, non solo le loro parole. La mia fidanzata, nonchè madre di mio figlio, ha risposto di no ai miei primi 20 inviti ad uscire. Per quale motivo ho continuato ad insistere? Semplicemente perchè rispondeva a tutti i miei messaggi e a tutte le chiamate, e quando non la cercavo io era lei a cercare me.

I motivi per cui una persona vi può rispondere in un modo piuttosto che in un altro sono molteplici e molto spesso sono a voi ignoti. Accettare un invito a bere un caffè può essere semplicemente segno di buona educazione, così come fare scena muta può essere frutto di timidezza e non di poco interesse nei vostri confronti.

Cercate di guardare il quadro più ampio e mettete insieme tutti i pezzi prima di giungere a delle conclusioni. Non fate l’errore di scoraggiarvi per un semplice rifiuto ma al tempo stesso non vi esaltate troppo in caso riceviate un “si” in risposta ad un vostro invito

Non siate negativi

Nel famoso caffè da bere insieme, così come in tutte le occasioni di contatto, lasciate la negatività fuori dalla porta. Siate positivi, parlate di cose divertenti e di argomenti piacevoli, non di come il vostro capo vi renda la vita impossibile o di quanto siete sfortunati. Se il vostro obiettivo è rivedere questa persona il modo migliore per farlo è quello di lasciare nella sua mente una senzazione di positività. Ogni persona ha già il proprio bagaglio di problemi e preoccupazioni ed in una fase conoscitiva non ha certo voglia di essere sommersa anche dai vostri.

Questo non significa cercare di fare i simpatici a tutti i costi, cosa che rischierebbe solo di essere controproducente. Se siete dei comici nati ovviamente sfruttate questa qualità, ma nel caso in cui non lo foste non vi sforzate e cercate di parlare di argomenti positivi: un bel libro, un bel film, un viaggio che avete fatto di recente, il vostro gatto, decidete voi quale terreno vi è più congeniale.

Ricordate sempre che alla persona che avete di fronte resterà impressa la sensazione che avete trasmesso in maniera molto maggiore degli argomenti specifici che avete toccato.

Conclusioni

Nel campo dell’amore e del corteggiamento non esiste una regola certa per avere successo e le sfaccettature di ogni relazione sono quasi infinite e questo ci darà modo di affrontare l’argomento anche in futuro e di farlo da angolazioni differenti.

Ma non fatevi spaventare da tanta complessità perchè basta non commettere errori macroscopici come quelli di questo articolo per aumentare sensibilimente le vostre chances di successo in amore!

®RIPRODUZIONE RISERVATA

2 Comments

  • emanuele

    Reply Reply novembre 26, 2014

    Ho letto con piacere questo articolo e ci tenevo a dirti che mi hai dato il coraggio/voglia di tentare a chiedere di bere un caffè ad una mia cara collega…grazie mille

  • Riccardo Fortuna

    Reply Reply novembre 27, 2014

    Ciao Emanuele, mi fa molto piacere.. Speriamo che ti dica di si! Fammi sapere come va.

Leave A Response

* Denotes Required Field